Il Pisa ha cambiato marcia. In Liguria contro l’Albissola, arriva la conferma del grande momento di forma della squadra di D’Angelo. Terza vittoria consecutiva, undicesimo risultato utile consecutivo. Anche i numeri adesso sorridono al Pisa. Non solo per il terzo posto solitario in classifica, in attesa del recupero della Pro Vercelli, ma anche perché negli ultimi dieci turni il Pisa ha staccato gli avversari, raccogliendo cinque punti in più del Piacenza secondo e rosicchiando ben nove punti alla capolista Entella. Il primo posto resta ancora fuori dall’orizzonte neroazzurro, ma la prospettiva potrebbe cambiare con risultati estremamente sorprendenti e positivi. Intanto cresce l’entusiasmo, oltre mille i tifosi presenti sugli spalti a tifare Pisa. La spinta del pubblico trascina i ragazzi di D’Angelo, che giocano un primo tempo solido e concreto. La pressione offensiva è immediata e porta alla conclusione pericolosa di Verna. Il centrocampista si ripete al volo, ma trova la respinta dell’attento Albertoni. Il portiere però non può nulla sul bellissimo tiro a giro di Lisi, poco prima dell’intervallo. È il vantaggio del Pisa, che continua ad attaccare e va vicino al raddoppio con Masucci. Nella ripresa l’Albissola, anche obbligata dalla classifica deficitaria, prende un po’ di coraggio e tenta di raggiungere gli avversari. Gori però si dimostra attento e disinnesca il tentativo di Damonte. Poi, il portiere, è super sul tiro di Russo. Lo stesso giocatore dell’Albissola viene espulso nel recupero per un fallo su Marconi. La punta nerazzurra fa in tempo anche a colpire una clamorosa traversa all’ultimo istante. Un episodio sfortunato ininfluente, perché il Pisa incassa tre punti pesanti per la classifica.