Martedì 12 marzo sindacati e lavoratori della scuola organizzeranno sit-in in tutta la Toscana davanti agli Uffici Scolastici. Sette le province coinvolte, Pisa compresa.

La mobilitazione nazionale, al grido “Stabiliziamo la scuola”, vedrà partecipare tutti i lavoratori della scuola, dalla materna alle superiori, nelle città di Arezzo, Firenze, Livorno, Prato, Pistoia, Siena e anche Pisa.

Affiancati dai sindacati Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola Rua i lavoratori chiedono al governo di stabilizzare i precari (alla piattaforma si sono aggiunte anche le sigle sindacali Snals e Gilda), altrimenti anche la scuola toscana vivrà una vera e propria condizione di emergenza.

Ecco i punti chiave delle loro richieste:

  • un consistente piano di assunzioni dei docenti per coprire gli oltre 150.000 posti liberi a livello nazionale che ci saranno dal 1° settembre 2019;
  • una fase transitoria in cui stabilizzare il lavoro dei docenti già abilitati o con 3 anni di servizio;
  • misure che risolvano in modo chiaro e definitivo i problemi generati dalla vertenza dei diplomati magistrali;
  • la stabilizzazione nell’organico di diritto dei 56.000 posti autorizzati tra organico di fatto e deroghe su sostegno su cui la scuola deve poter contare con continuità;
  • appropriate misure volte a garantire a tutte le regioni del sud organici adeguati, con l’obiettivo di diffondere il modello pedagogico/organizzativo del tempo pieno.

A Pisa il sit-in è previsto alle ore 15:30, di fronte all‘Ufficio Scolastico provinciale in via Pascoli 8.