Triste e dolorosa, la notizia della scomparsa del giornalista Cirano Galli.Mi venne presentato in prossimità delle feste di Natale, nel lontano 2003, dalla signora Gentili, allora proprietaria del Pisa. Da quel giorno è cominciata la mia avventura di fotografa nel mondo del calcio.

Dopo aver svolto il mio primo servizio, mi guardò con aria rigorosa, dietro le sue folte ciglia, con mie foto davanti:

“Iniziamo a collaborare , ti faccio l’accredito annuale per andare sul terreno di gioco, raccomandandomi di essere puntuale nella consegna delle foto. Ti metto alla prova”.

Cirano Galli da grande giornalista, mi dette fiducia e insegnamenti nell’arte della fotografia. Mi porto’ alla collaborazione con la redazione della società neroazzurra. Comprese che dietro le mie foto c’era la passione, che si stava plasmato, come si plasma un diamante grezzo che diventerà unico.

Ringrazio la vita per avermelo fatto conoscere e per aver potuto lavorare con lui. Pur ricoprendo dei ruoli molto importanti, era un uomo che non voleva mai comparire anche quando il Pisa ottenne risultati prestigiosi.

Il ricordo di Elisa Fracassi