Appresa la notizia dei fondi sbloccati dal governo, la giunta Conti ha presentato il piano delle opere realizzabili. Dopo il via libera per investimenti senza limitazione, salvo quelle derivanti dalla disciplina contabile, il comune di Pisa che prima poteva contare su sei milioni di euro, oggi si ritrova venti milioni di euro da investire.

Destinare tutte le risorse disponibili alla realizzazione di una serie di interventi per la riqualificazione urbana, il decoro, il litorale e i quartieri periferici, oltre alla chiusura definitiva dell’accordo bonario di piazza Vittorio Emanuele e alla conclusione dei lavori per la sistemazione idraulica di Pisa nord. Questa la direzione che intende intraprendere il Comune.

«Grazie all’intervento del governo – ha spiegato il sindaco Michele Conti – è possibile investire su riqualificazione decoro urbano, sicurezza idraulica, edilizia scolastica, quartieri periferici e manutenzione delle strade. Se a questo tesoro, aggiungiamo anche gli interventi del “Bando Periferie”, tra la fine del 2018 e il 2020 ci saranno grandi investimenti e forte cantierabilità, che cambieranno il volto alla città, con una ricaduta importante sull’economia locale».

L’elenco degli interventi nel dettaglio riguarderanno il decoro urbano con particolare attenzione a marciapiedi, asfalti e soprattutto verde pubblico. Inoltre: impianti sportivi, edilizia cimiteriale, edilizia scolastica, interventi sul litorale, illuminazione, rotatorie.

Molti i progetti riguardanti il verde pubblico, per il quale è previsto un impegno di spesa pari a 2.140.000. Interventi sulle piazze del centro storico (piazza della stazione, piazza Martiri della Libertà, piazza Dante, piazza D’Ancona, piazza Mazzini), rinnovo del patrimonio arboreo, azioni fitosanitarie e potature, riqualificazione rotatorie cittadine e interventi sul litorale. Alcuni di questi saranno realizzate già a partire da dicembre.

«Non solo il centro di Pisa – ha commentato Raffaele Latrofa, assessore ai Lavori Pubblici – ma anche la riqualificazione delle periferie e del litorale, con riferimento soprattutto al decoro urbano. Il resto degli interventi riguardano l’edilizia scolastica, gli impianti sportivi e i cimiteri che, per le condizioni delle strutture, dettavano l’obbligo di intervenire. Desidero esprimere un ringraziamento al governo, al Sindaco e agli uffici comunali che hanno lavorato senza sosta per portare a termine tutti i progetti esecutivi che andranno a gara entro il 2018, oltre alla presentazione dei progetti del “Bando Periferie” entro la scadenza del 6 novembre».