Il presidente della Toscana, Enrico Rossi, ha informato il Consiglio regionale che per l’incendio che ha devastato il Monte Serra, in provincia di Pisa, nel mese di settembre, è “arrivata dal governo una lettera in cui ci dicono che non ci è stato riconosciuto alcunché”.

Nella lettera indirizzata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri alla Regione si scrive infatti che “l’evento non ha determinato condizioni tali da giustificare l’adozione di misure che trascendono le capacità operative e finanziarie degli enti competenti in via straordinaria. In particolare, l’incendio non risulta abbia coinvolto in modo significativo le strutture e le infrastrutture presenti nell’area percorsa dal fuoco. Peraltro, i centri abitati sono stati lambiti dalle fiamme e gli interventi di riduzione del rischio residuo sono connessi direttamente al recupero forestale delle aree interessate”.

“Il punto – ha sottolineato Rossi – non è nemmeno non aver visto riconosciuto il danno; il punto sono state le dichiarazioni e le passerelle che abbiamo visto in quell’occasione. Mi auguro che questa volta si possa ottenere un riconoscimento adeguato: abbiamo avuto danni quanto la Lombardia e l’Emilia-Romagna e chiediamo un trattamento equo anche per la Toscana”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here