Zona stazione, l’ordinanza antidegrado resta in vigore

Resta valida l’ordinanza antidegrado che riguarda la zona stazione emanata dal Sindaco di Pisa. Il Tar ha infatti respinto la richiesta di sospensiva presentata dai titolari di 7 minimarket della zona. Ora il Tar si dovrà esprimere sul merito. Continuano i controlli della Polizia Municipale in sinergia con le altre forze dell’ordine. «Se la legge si dimostra forte facciamo un bel passo avanti – commenta il sindaco di Pisa Marco Filippeschi che annuncia il potenziamento della Polizia Municipale – con il nuovo piano di assunzioni del Comune ci sarà un forte impegno per l’aumento di organico della Polizia Municipale»

Il comandante della Polizia Municipale Michele Stefanelli fa un bilancio delle azioni rese possibili dall’ordinanza a poco più di un mese dall’entrata in vigore. Contrasto all’abuso di alcool: 15 multe a minimarket che vendevano alcool oltre l’orario consentito, sequestro frigo con 350 bottiglie tra birra, cartoni di vino e altri alcolici, richiesta al Questore una chiusura di 15 giorni per recidiva, 19 multe agli avventori per consumo alcool in orari non consentiti. Lotta al commercio abusivo: 350 pezzi di oggetti sequestrati tra, cinture, spinner, cover e una multa da 5000 euro. Controlli nei negozi della zona: 16 verbali per prodotti senza marcatura CE, 6 verbali merce esposta fuori dal negozio, 1 sequestro di alimenti perché scaduti, 4 verbali a negozi che esercitavano il commercio all’ingrosso con autorizzazione del solo commercio al dettaglio. È stato inoltre scoperto un bed and breakfast abusivo: multa da 2000 euro per il responsabile. Prevenzione azioni degenerative: oltre 30. Insieme a questi provvedimenti i controlli degli agenti hanno permesso di identificare e fotosegnalare 54 persone e deferire 12 persone all’autorità giudiziaria. Allontanate 350 persone. Sono stati riscontrati 21 casi sociali che sono stati segnalati alla Società della Salute: l’obiettivo infatti è colpire le cattive abitudini, chi si comporta male (spaccio, furti, ubriachezza molesta), mentre i casi sociali come gli homeless vengono aiutati con l’unità di strada in sinergia con le attività del dormitorio di via Conte Fazio.

Cosa prevede l’ordinanza in vigore dal 29 settembre – La delibera fissa norme comportamentali che escludono bivacchi e bevute all’aperto nell’area della stazione (piazza della Stazione, viale Gramsci, Piazza Vittorio Emanuele II e vie limitrofe, compresi i loggiati presenti). Con una serie di interventi per contrastare il “trasando” che favorisce comportamenti censurabili

Zona stazione riqualificata e più sicura – L’ordinanza fa parte di una più ampia strategia che prevede la riqualificazione della zona, da piccoli interventi già fatti e in corso (spostamento delle rastrelliere che venivano usate come sedute improprie, cura del verde pubblico e delle panchine pulizia e cancellazione delle scritte sull’arredo urbano), ai lavori di potenziamento dell’illuminazione e della videosorveglianza iniziati nei giorni scorsi. Aspettando la profonda riqualificazione (43 milioni di euro) che sarà possibile grazie al progetto binario 14 che ha permesso a Pisa di reperire un importante finanziamento governativo.

Lascia un commento