Toscana Endurance da record a San Rossore

Cresce di giorno in giorno Toscana Endurance Lifestyle e lo fa anche nell’immediata vigilia delle gare, in programma sabato 15 e domenica 16 luglio con partenza dall’ippodromo di San Rossore. Direttamente dalla conferenza stampa di presentazione, che si è svolta questa mattina nella Sala delle Baleari di palazzo Gambacorti, a Pisa, arriva il doppio annuncio dell’iniziale montepremi di 500mila euro che è destinato a raddoppiare e del numero di nazioni che ha raggiunto addirittura quota 44.

Sono numeri clamorosi, che certificano la grandezza di Toscana Endurance Lifestyle e che testimoniano, come ha voluto ribadire il sindaco di Pisa Filippeschi “che questo evento è una grande certezza per la nostra città e per San Rossore, da sempre location d’eccellenza per tutto ciò che ruota attorno al cavallo”. Valori storici e legami forti, quelli ai quali ha fatto riferimento il primo cittadino, che sono stati ulteriormente esaltati da Mohammed Essa Al Adab, general manager del Dubai Equestrian Club, entusiasta di come Toscana Endurance Lifestyle riesca a interpretare al meglio l’idea di sport come occasione d’incontro e di confronto fra popoli di culture diverse; di come questo evento avvicini sempre più Italia ed Emirati Arabi Uniti e realizzi la visione del futuro di Sheikh Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti e governatore di Dubai”.

La forza di Toscana Endurance Lifestyle, sul quale hanno puntato con decisione anche i main sponsor Meydan e Azizi Developments, sta nei 517 binomi impegnati nelle cinque gare di sabato e domenica e in uno sforzo economico che, oltre al montepremi vero e proprio, prevede un budget fra benefit e rimborsi ai cavalieri che sfiorerà i due milioni di euro. Sforzo che genera ricadute tangibili anche sull’economia del territorio se è vero, come ha sottolineato Gianluca Laliscia, CEO e chairman di sistemaeventi.it, che questo evento ha giù superato i quattro dell’anno scorso in termini di presenze nelle strutture alberghiere di Pisa e dintorni. “La sinergia fra Toscana, Pisa ed Emirati Arabi Uniti ha un grande futuro davanti”, ha precisato il presidente della Camera di Commercio di Pisa Walter Tamburini.
Motivi per essere orgogliosi ne esistono a ogni “angolo” di Toscana Endurance Lifestyle. Lo hanno confermato gli altri protagonisti della conferenza stampa di questa mattina. Per la consigliera regionale Alessandra Nardini, alla quale Mohammed Essa Al Adhab ha consegnato il pettorale di gara numero 1,ha parlato di “evento che sposa alla perfezione l’idea che la Toscana vuol comunicare al mondo”; il presidente di Alfea, Cosimo Bracci Torsi, ha sottolineato invece la grande opportunità che l’endurance rappresenta un ippodromo come quello di San Rossore “smanioso di guardare sempre avanti e accettare nuove sfide da vincere”. Maurizio Bandecchi del Parco regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli ha voluto accendere i riflettori proprio sulla ricchezza ambientale di una location quanto mai speciale e unica per uno sport come l’endurance.  Ora la parola passa a cavalieri, attesi da tre gare sabato 15 e da due gare domenica 16. Ad affiancarli uno staff di giudici internazionali e di veterinari, impegnati al massimo per garantire la salute e il benessere dei cavalli. A coordinare questa squadra, il presidente del Ground jury, Ahmed Ali Al Hammadi: “Siamo orgogliosi di prendere parte a un evento fantastico, organizzato con cura in ogni dettaglio e destinato a mettere in condizione cavalli e cavalieri di dare il massimo”.

Lascia un commento