Sicurezza: controlli dei carabinieri a Pisa, arresti e denunce. Chiuso un kebab

Un gambiano arrestato per possesso di droga, un tunisino denunciato e due locali sanzionati per mancato rispetto delle norme igienico sanitarie e di quelle sul lavoro. A Cascina (Pisa) è stato invece arrestato un pusher soropreso con 52 grammi di cocaina. E’ il bilancio dei controlli effettuati dai carabinieri, con l’ausilio del Nas di Livorno e del Nucleo ispettorato del lavoro nei luoghi della movida pisana e in provincia. Un pusher originario del Gambia, di 32 anni, è stato sorpreso con 32 grammi di marijuana e tratto in arresto per detenzione a fini di spaccio, mentre un tunisino trentenne è stato denunciato per lo stesso reato per il possesso di una minore quantità dfi stupefacenti. I controlli effettuati con il Nas e il Nucleo ispettorato del lavoro hanno invece portato alla chiusura di un negozio che vende Kebab con la “sospensione immediata dell’attività e fino al ripristino delle condizioni”, per assenza dei requisiti igienico-sanitari, mentre un altro esercizio commerciale e’ stato multato di 1500 euro per l’impiego di un lavoratore al nero. A Cascina, infine, i militari hanno arrestato un albanese di 38 anni: l’uomo è stato fermato per un normale controllo e trovato in possesso di una modica quantita’ di stupefacente, da qui la decisione di perquisire anche il suo domicilio dove sono stati trovati altri 52 grammi di cocaina, suddivisi in 5 involucri, materiale per il confezionamento, un bilancino di precisione, due telefoni cellulari e 475 euro in contanti ritenuti provento dell’attivita’ di spaccio.

Lascia un commento