Giorno del ricordo: rubata la targa della memoria

“In una giornata come questa in cui abbiano assistito al bellissimo omaggio dei ragazzi di una scuola media che hanno dimostrato una sensibilità straordinaria verso la comunità e verso gli adulti trovo inqualificabile il gesto di chi, non per la prima volta, ha voluto sporcare la giornata rimuovendo la targa alla rotonda dedicata ai Martiri delle Foibe”. Lo ha detto l’assessore alle politiche educative del Comune di Pisa, Marilù Chiofalo, a margine delle cerimonie ufficiali commentando il furto avvenuto in città nelle scorse ore. L’amministrazione ha già provveduto alla sostituzione della targa e, ha aggiunto Chiofalo, “i fatti meritano un giudizio duro e deciso perché Pisa è il luogo in cui, nella tradizione di città di studio e ricerca, si riflette con spirito libero sugli avvenimenti del ‘900 e per ricordare le vittime della violenza da qualunque parte esercitata”.

L’Italia, ha concluso il sindaco Marco Filippeschi, “ha un debito verso la comunità straziata dal martirio delle foibe e forzata ad abbandonare il proprio territorio da una pulizia etnica: il ricordo deve farci essere più forti in un mondo che non trova equilibrio. Di fronte a quello che sta accadendo a pochi chilometri da noi bisogna reagire con i valori che abbiamo consolidato dopo la seconda guerra mondiale trovando una piattaforma di principi che vada oltre le differenze religiose, etniche, politiche. Sono i valori su cui si fonda l’Europa e su questi dobbiamo basarci rendendo il ricordo attuale”. Fonte Ansa

Lascia un commento