Asilo del Cep: riprese le attività, presenti 8 piccoli su 22

Riprese le attività all’asilo nido del Cep. Ad accogliere alunni e genitori c’erano le tre nuove maestre, supplenti esperte chiamate dalle graduatorie di concorso a tempo determinato,  la nuova insegnante di sostegno  e con loro l’Assessora Marilù Chiofalo, la dirigente dei servizi scolastici Laura Nassi, due persone dei servizi all’infanzia del Comune di Pisa. 8 (su 22 frequentanti) i piccoli alunni che sono entrati regolarmente a scuola. Tutto tranquillo nell’adiacente scuola d’infanzia dove tutti i bimbi e le bimbe erano presenti.

La situazione è tenuta sotto stretto monitoraggio, così come da accordi presi nella riunione di giovedì pomeriggio con i genitori tutto lo staff della sezione grandi è stato sostituito, compresa l’insegnante di sostegno per la quale era già stata chiesta una sostituzione alla cooperativa fornitrice del servizio. A supporto del personale dell’asilo e degli stessi genitori è stata anche individuata una persona che, in qualità di supervisore esterno, seguirà all’interno della struttura  il lavoro di questi giorni. Anche a seguito del confronto con le insegnanti svoltosi sabato mattina l’amministrazione sta comunque valutando altre forme e misure di riorganizzazione del servizio che verranno prese, come fatto finora, in accordo con i genitori.

Durante la mattinata alcune mamme si sono comunque recate alla struttura per incontrarsi. Le mamme, incontrate dall’amministrazione senza la presenza del personale della struttura, hanno chiesto chiarimenti sulla cronologia degli eventi, già stati esposti nella riunione di giovedì scorso. Sono stati forniti tutti gli elementi richiesti e l’amministrazione ha raccolto lo stato d’animo dei genitori presenti ed altre utili indicazioni per proseguire il percorso.

Nel corso della mattinata si è tenuta anche una riunione tra i vertici dell’amministrazione. Presenti il Sindaco ,gli Assessori al personale e all’istruzione, la segreteria generale, i dirigenti dell’ ufficio legale, dei servizi educativi e del personale. Tra gli argomenti trattati anche la questione del licenziamento. L’amministrazione ha confermato  di condividere l’impostazione del dirigente del personale, cui spetta la competenza, di portare il provvedimento disciplinare in atto fino alle conseguenze del licenziamento.

Lascia un commento